Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2020

Scuola a distanza

Procede la scuola a distanza, accompagnata dalle contraddizioni di un tempo e da quelle nuove.  Professori in ritardo sugli orari (alle volte bigiano del tutto), spesso sottoposti a fermo immagine e audio balbuziente, in preda al delirio da "proponi la repository file più complessa che trovi", tutte diverse e complicate, banali link alle lezioni inviati in modi variegati e dalla sintassi sempre diversa. Un registro elettronico che consultarlo e tenerlo sottocontrollo richiede una laurea in ingegneria gestionale. L'orario delle lezioni varia come varia il clima in primavera. Compiti e consegne a catinelle. Poi giunge la mail della coordinatrice, che dovrebbe chiarire le modalità delle lezioni a distanza e nulla chiarisce e tutto scarica sulle capacità famigliari (controlla, segui, fai, non registrare nulla che è reato, si autonomo). Poi ne giunge un'altra che fa affidamento sul senso di responsabilità e di autonomia degli studenti: ragazzine e ragaz

Le tre categorie

Immagine
  Sono indeciso: sono più insopportabili i genitori ansiosi di non rimanere indietro, che chiedono a gran voce lezioni online (tanto la tecnologia c'e')? O gli insegnanti preoccupati di sentirsi inadeguati e scansafatiche che inondano le classi di compiti a caso, comunicati a caso e valutati rigorosamente a caso? O, infine, la categoria di cui faccio parte, che non sopporta tutto questo, se ne tira fuori, critica tutto e tutti (con argomenti e riflessioni attinenti e ponderate) per poi non concludere rigorosamente nulla (e subire passivamente le azioni delle prime due categorie)? Per depurarmi da tutto questo squallore, serve Moretti d'annata.

La scuola al tempo del virus

Immagine
Genitori impazziti che chiedono (esigono) compiti a distanza per i figli se non addirittura lezioni vere e proprie. Insegnanti che non sanno che pesci pigliare e si inventano soluzioni creative per gestire il delirio collettivo: chi cerca di usare il buon senso, chi fa uso della pratica del silenzio (tutta la mia stima), chi, purtroppo, si inventa formatore a distanza (senza però saperne abbastanza o senza pensare se tutti gli studenti abbiano la possibilità di accedere ai loro compiti e materiali online). Dunque che accadrà nei prossimi 10 giorni? Spero poco o niente. Il virus farà il suo corso anche se Manzoni, a detta di molti, aveva già previsto tutto nel 1800, o se Foscolo ha cercato pure lui nel 1800 di avvisarci sulla fine che faremo, o meglio Dante già nel medio evo cercò di istruirci sul dopo morte, alla faccia delle lotte attuali per il testamento biologico ed eutanasia. Ah forse sarebbe utile ripassare Galileo e la sua misera fine ad opera di papi e bibbie, ma quello è p