Scanner diapo ROLLEI DF-S 190 E

Ho parecchie migliaia di fotografie vecchio stampo (negativi BN, color e diapo). La maggior parte sono "junk", molte sono utili per la memoria, molte centinaia in meno da conservare perche' carine, interessanti... insomma mi piacciono!

Ho uno scanner semi-professionale specifico per diapo e negativi 35 mm, un nikon coolscan V ED che quando acquistai costava abbastanza e fornisce ottimi risultati. Il limite? tempi di scansione biblici e se si vogliono ottenere risultati ottimi occorre perderci tantissimo tempo, per ogni singola immagine. Dunque uno strumento utile per scannerizzare la singola fotografia, che magari si vuole poi stampare o utilizzare per scopi lavorativi (brochure, illustrazione, impaginati). [ATTENZIONE: usato in accoppiata al software VueSCAN il lavoro si semplifica molto e si puo' scannerizzare più velocemente in formato RAW]

Poi sono comparsi sul mercato scanner snelli e veloci per negativi e pellicole (le marca piu' appetibile e' Reflecta, da sempre nel mercato della fotografia, marchio tedesco che dovrebbe garantire un minimo di affidabilità)

Succede che 3 mese fa ho acquistato uno di questi veloci scanner marcato Rollei (sempre marchio tedesco), dalle discrete caratteristiche tecniche, capace di funzionare anche senza collegarlo al PC, e che garantisce tempi di acquisizione veloci.

Lo sto provando da 3 mese e cosa dico?


SINTESI DEI RISULTATI



Giudizio complessivo?
velocità: piu' che buono
qualità: bassa (inutilizzabile per esigenze di qualità e professionali)

utilizzo consigliato: 
scansione veloce di immagine come preview e ricordo, insomma un sostituto per i vecchi provini a contatto. si scannerizzano el immagini si tengono in archivio e poi all'occorrenza si recuperano gli originali e si scannerizzano con strumenti migliori.




DETTAGLIO DEI RISULTATI



1) E' molto veloce, confermo.
Permette di scannerizzare un vecchio rullino di 36 fotografie in un paio di minuti.

2) Se si vuole gestire un minimo l'esposizione e le tonalità di colore i tempi si allungano e in 10 min si scannerizza il solito rullino.

3) veniamo alla qualità:
  1. a - a parità di risoluzione l'immagine finale non e' propriamente nitida e precisa come con uno scanner specifico
  2. b - con il BN i risultati sono accettabili (occorre cmq un intervento di post-produzione con photoshop per rendere le immagini guardabili)
  3. c - con i negativi e le diapositive le cose si complicano. la resa dei colori e' un po' a caso e se si vuole avere una fedeltà cromatica occorre fare varie prove e non sempre e' possibile. Dunque ci saranno rossi troppo accesi, o dominanti vedri e blu che poi andranno corrette con photoshop
  4. d - in generale polvere e graffi si vedono e non c'e' software o sistema di autoeliminazione

4) strumento e comandi
  • lo strumento e' concepito male, direi. Lo schermo e' in una posizione assurda... se si vogliono vedere i pulsanti di comando non si vede lo schermo e viceversa... quindi o va posto NON sul taviolo di lavoro ma in posizione piu' alta oppure va inclinato di 45 gradi...
  • i pulsanti di comando sono pochi e occorre intervenire da menu... quindi le regolazioni possono essere macchinose. Hanno sbagliato: dovevanmo mettere pulsanti specifici per esposizione e per correzione colori, mentre il menu andava usato solo per le impostazioni generali e per il download ect ect...
  • lo schermo e' di bassa qualità, se si cambia l'angolazione di visione cambia la luminositàò e la resa dell'immagine e la domanda sorge spontanea: "in che posizione devo guardarlo???"
  • se il negativo e' troppo scuro, lo schermo rimane spento e quindi occorre scattare "al buio" e sperare in dio.

5) accessori:
  • è fornito di portanegativo abbastanza robusto per singoli negativi o per negativi interi. nel complesso comodo anche se non sempre la posizione delle immagini coincide con la struttura del porta begativo creando fastidiosi sfasamenti e tagli dell'immagine che va corretto manualmente con un po' di abilità manuale
  • molto comodo il porta diapositive, si impilano 10-15 diapositive e una levetta consente di inserire la nuova diapositiva, risparmiando molto tempo. Se pero' il telaio e' sottile si rischia di incastrare e inserire 2 diapo in contemporanea!
  • c'e' un aggeggio che serve per pulire il vetro interno. va usato spesso perche' la polvere e' un grande problema

6) software
 e' solo interno allo scanner, non da installare sul PC (per la post-produzione non c'e' nulla). Il sistema di correzione dell'esposizione e dei colori funziona a step di 3 livelli... non funziona benissimo e l'aumento di 3 step non coincide con la successiva diminuizione di 3 step... il che la dice lunga.

7) risoluzione di acquisizione
Si possono impostare 2 risoluzioni dell'immagine, quella piu' bassa (2800 dpi e quella nativa, l'altra piu' alta e' interpolata), tuttavia mi pare che l'interpolazione renda di piu' ma e' solo una impressione personale.


NIKON / ROLLEI



Commenti

Post popolari in questo blog

Parcheggi a breve sosta in Aeroporto di Malpensa

Probelma F29 Scaldabagno Vaillant OutsideMAG: non risolto

Fredric Brown: "Incubo verde"