La battaglia di Solferino

Dipinto di Carlo Bossoli che illustra l'ingresso del 74º e dell'84º
reggimenti di linea della divisione Forey
Da qualche anno abito in via Solferino. Poi in un'altra via Solferino c'era (c'e'?) la redazione del Corriere della Sera: un tempo ci passavo spesso perche' mi facevo a piedi Stazione Garibaldi-Piazza Duomo (andata/ritorno) per risparmiare il biglietto della metropolitana e anche per fare quattro passi. Immagino che Via Solferino sia presente in un numero significativo di comuni e città italiane. E' inutile se scrivo che non sapevo cosa significasse quel nome? Il solito personaggio famoso? Un evento di un passato ormai lontanissimo? Poi in Piazza Indipendenza, qui accanto, hanno messo un totem con la spiegazione della battaglia di Solferino... l'ho guardato senza leggerlo, o forse dovrei dire "l'ho letto senza capirlo". Questa mattina infine mentre camminavo di ritorno dalla stazione mi son detto che dovevo necessariamente informarmi sulla cosa. Wikipedia (se vi interessa leggetevi la descrizione della battaglia). In 12-14 ore di battaglia sono morti qualcosa come 29.000 soldati, il 24 giugno del 1959. Data facile da ricordare per me: il giorno dopo la nascita di mio figlio (ovviamente nato nel 2006 e non nell'800!) e 2 anni prima dell'unità d'Italia. Solferino e' qui vicino, tra Brescia  e Mantova e la battaglia si dovette interrompere per un forte temporale nel pomeriggio. M'immagino queste 250.000 persone nell'afa insopportabile di un giorno estivo in aperta campagna, occupati ad ammazzarsi. Chi erano? quanti anni avevano? che vita hanno dovuto subire e sopportare? ammazzati con violenza, accasciati tra i campi e inondati da uno di quegli acquazzoni estivi della bassa che fanno rabbrividire.

Commenti

Post popolari in questo blog

Parcheggi a breve sosta in Aeroporto di Malpensa

Probelma F29 Scaldabagno Vaillant OutsideMAG: non risolto

assistenza per condizionatori LG